ottobre 29

A (Working) Typology of Sensor Journalism Projects — Medium

Tweet about this on TwitterShare on FacebookShare on Google+Share on LinkedIn

I propose a working typology of sensor journalism projects in order to examine the work that has been done; tease out emergent patterns; and gain perspective on the field to anticipate its future trajectory.” Un tentativo ambizioso da parte di Lily Bui, studentessa presso il MIT, che da un po’ di tempo si sta occupando seriamente di sensor journalism.

A parte forse il cappello filosofico, la categorizzazione che fa la Bui è molto interessante, perché costituisce uno schema pratico con cui sistematizzare i lavori di sensor journalism, passati e futuri: giornalisti che usano sensori, cittadini che usano sensori (e a cui le redazione possono rivolgersi), uso di reti di sensori già esistenti e funzionanti, sfruttamento dei dati provenienti da smartphone e tablet, o anche da sensoristica remota o ancora dall’imminente elettronica indossabile. Il tutto infarcito di link a progetti, riflessioni, risorse esterne.

A (Working) Typology of Sensor Journalism Projects — Medium

Alessio Cimarelli

Data scientist at Dataninja
Sono giornalista free-lance e sviluppatore web. Dopo la lau­rea in fisica all’Università Sapienza di Roma, ho con­se­guito il master in Comunicazione della Scienza alla SISSA di Trieste e ho comin­ciato a girare l’Italia, tra gior­na­li­, uffici stampa e ricerca pura. Sono co-fondatore di dataninja.it e datamediahub.it e attualmente collaboro con varie testate ita­liane (L'Espresso, Secolo XIX, Wired) e alcune agen­zie edi­to­riali in ambito di svi­luppo web e data jour­na­lism. Sono mem­bro della comu­nità Spaghetti Open Data e ormai scrivo quasi più in java­script e python che in ita­liano o inglese.
Tweet about this on TwitterShare on FacebookShare on Google+Share on LinkedIn


Posted 29 ottobre 2014 by Alessio Cimarelli in category "Segnalazioni

About the Author

Sono giornalista free-lance e sviluppatore web. Dopo la lau­rea in fisica all’Università Sapienza di Roma, ho con­se­guito il master in Comunicazione della Scienza alla SISSA di Trieste e ho comin­ciato a girare l’Italia, tra gior­na­li­, uffici stampa e ricerca pura. Sono co-fondatore di dataninja.it e datamediahub.it e attualmente collaboro con varie testate ita­liane (L'Espresso, Secolo XIX, Wired) e alcune agen­zie edi­to­riali in ambito di svi­luppo web e data jour­na­lism. Sono mem­bro della comu­nità Spaghetti Open Data e ormai scrivo quasi più in java­script e python che in ita­liano o inglese.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *